Roma Future Week: l’evento che non c’era!

by Giulio Catalucci

Sta finalmente per iniziare a Roma, portandosi con sé una lunga e fervente attesa ormai agli sgoccioli, un’importantissima manifestazione che mette al centro le grandi sfide del nostro tempo, collocandole in una prospettiva presente e soprattutto futura. Si tratta della prima edizione del “Roma Future Week”, che avrà luogo nella Capitale dall’11 al 17 settembre 2023.
Si tratta di una rassegna di portata enorme, anche perché si svolgerà in 200 differenti luoghi della città (per un totale di quasi 300 eventi) con l’obbiettivo preminente di raccontare e pre-vedere il futuro di Roma.
Tutto nasce dalla mente di Scai Comunicazione, nota agenzia di comunicazione e organizzazione eventi.
Saranno coinvolti oltre 100 enti tra associazioni, ambassador e imprese, amministrazioni pubbliche e università.
I 4 grandi filoni selezionati dagli organizzatori per strutturare la Roma del futuro sono: Growth, Connection, Experiences e People.
Come approcciarsi e rendere dunque più fruibile la digitalizzazione per i cittadini, rendere all’avanguardia una città storica come Roma che per tradizione, retaggi e carenze note tendenzialmente fatica a reggere il passo delle nettamente più efficienti e attrezzate in tal senso capitali europee. Ovviamente in primo piano anche la transizione ecologica che è evidentemente strettamente correlata al progresso tecnologico: elettrico e idrogeno come risorse chiave su cui puntare per rendere una città più pulita e sana, e quindi a misura d’uomo. Un ricorso pertanto alla tecnologia e alla digitalizione, il progresso virtuoso, per innalzare principalmente la qualità della vita del cittadino. Saranno poi messi in risalto anche gli aspetti dell’inclusione sociale e dell’ ammodernamento delle infrastrutture: ad esempio al gazometro Eni a Ostiense 15 under di startup presenteranno progetti per migliorare Roma oppure quella al Palladium, in cui l’intelligenza artificiale sarà “messa in discussione”. Infine largo spazio all’intrattenimento.
In tal senso c’è stata nella giornata odierna una importante tappa di avvicinamento alla settimana in cui si guarderà alla “Roma del futuro” con la presentazione del cartellone collettivo della manifestazione. Ha preso parte all’evento anche l’assessore alle Politiche della Sicurezza, Attività Produttive è Pari Opportunità Monica Lucarelli, la quale ha dichiarato: “Siamo molto contenti di partecipare all’organizzazione di un evento che racconta l’innovazione tecnologica, sociale e culturale, connettendo idee e persone. Oltre 290 appuntamenti diffusi su tutto il territorio animeranno per 7 giorni la nostra città come una rete che toccherà tutti i romani. Un programma che si continua ad arricchire di giorno in giorno, in cui la Casa delle Tecnologie Emergenti giocherà un ruolo da protagonista come headquarter dell’intera manifestazione, che parlerà di futuro in ogni suo aspetto. Una prima edizione che ha già riscosso l’entusiasmo di tutti i soggetti aderenti, istituzionali e non, perché solo insieme possiamo cambiare la narrazione della nostra città, un luogo ricco di passato e tradizione che deve diventare volano dello sviluppo dell’intero Paese.”
Ha partecipato alla presentazione anche l’influencer Gian Marco D’Eusebi che ha raccontato come la Capitale abbia sempre avuto uno sguardo verso il futuro e di come questo evento voglia riconnettersi con queste origini: “La storia è ciclica e, così come Roma ha creato duemila anni fa le basi del mondo moderno, Roma Future week intende rendere omaggio a questa città che ha le qualità umane per tornare ad essere “caput mundi” anche nell’era della tecnologia.
Come detto eventi e presentazioni saranno sparsi nella capitale, ma il quartier generale sarà la CTE – casa delle tecnologie emergenti – all’interno della stazione di Roma Tiburtina.
Importante sottolineare come l’accesso a tutti i contenuti e spazi della manifestazione sarà totalmente gratuito. Si consiglia a coloro che saranno interessati di consultare il sito di Rome Future Week (https://romefutureweek.it), per conoscere date esatte e luoghi degli eventi, peraltro con la possibilità di ricorrere ai consigli dell’IA, oppure da guide d’eccezione quali ambassador, speaker e stakeholders.

Roma Future Week: l’evento che non c’era!

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>